Al largo di Lesbo (Al largo di Lesbo, 3)

                Per sei profughi afghani annegati

               «al largo di Lesbo», secondo una

               notizia di cronaca dell’ottobre 2009

Al largo di Lesbo chissà se in vista
Della rupe da cui Saffo saltò
Dice il poeta non volendo più vivere
Si sono venduti tutto il vendibile
Per farsi vendere e comprare hanno stretto
La vita fra i denti lasciando scie
Di sangue traversato mezzo mondo
Per venire a morire in fondo al mare
Al largo di Lesbo ora chi dorme il sonno
Del giusto dopo pranzo si prepari
Che dire quando verranno le ombre
Dei morti in mare chiedendo perché
Non fidando che siano tanto forti
Le serrature né le mura per quando
Verranno le ombre dei morti in mare